Smart Specialization Strategy : attività in Sardegna

por2_b09102015Denominata anche S³, la Smart Specialization Strategy rappresenta la strategia della UE all’interno del POR FESR 2014-2020 per lo sviluppo dei territori secondo la propria vocazione nell’ambito della ricerca e nell’innovazione. Anche in Sardegna, come nelle diverse regioni europee, (noi con il programma ParteciPA) si contribuisce a tale programma finalizzato allo sviluppo delle potenzialità tipiche del territorio per la crescita economica.

 La S³ (Smart Specialisation Strategy) è un percorso dinamico ed evolutivo che le regioni europee sono invitate a seguire per individuare le proprie vocazioni nell’ambito della ricerca e innovazione capaci di sviluppare potenzialità di crescita economica.

Presentata alla Commissione europea il 14 luglio 2015, la S³ Sardegna è oggi oggetto di ascolto e confronto con i diversi portatori di interesse, chiamati a contribuire al processo condiviso di “scoperta imprenditoriale”: un processo che prevede dunque la partecipazione di cittadini, aziende, centri di ricerca e università, amministrazioni pubbliche  e società civile, chiamati a collaborare per l’individuazione di bisogni, azioni e progetti per presentarsi in mercati ad alto valore aggiunto nello scenario competitivo globale.

Le aree che sono prioritarie per la Sardegna sono:

  • ICT,
  • Reti intelligenti per la gestione dell’energia,
  • Agrifood,
  • Aerospazio,
  • Biomedicina,
  • Turismo,
  • Beni Culturali,
  • Bioeconomia

Sono infatti questi i settori ad alto potenziale in relazione alle risorse, alle conoscenze e al “saper fare” presente nell’isola.Per ulteriori approfondimenti vedi le pagine informative e la documentazione pubblicata nella sezione “La Strategia di specializzazione intelligente (S3)” del sito Sardegna Programmazione.

Lunedì 19 Ottobre c’è stato il workshop multi-settore sulla Strategia di Specializzazione Intelligente (S³) a cui hanno aderito quasi duecento persone di diversa estrazione e attività: dal settore privato, imprese professionisti, ai funzionari della PA, al mondo dell’università e della ricerca.
Come le metodologie della partecipazione prevedono i partecipanti hanno seguito un processo di lavoro dividendosi secondo il proprio interesse contribuendo con le  proprie competenze. Sono stati creati quattro gruppi di lavoro che hanno utilizzato il metodo SWOT (Strenghts, Weaknesses, Opportunities, Threats ) A svolgere il ruolo di facilitatore c’è stato Luca Contini di Sardegna Ricerche.

I contributi dei diversi gruppi sono state le analisi e le proposte poi presentate alla platea a fine serata. Saranno pubblicati dal Centro Regionale di Programmazione e saranno utili per lo sviluppo del prossimo incontro. 

Si può commentare e partecipare alla definizione della S³ anche da portale: http://www.sardegnapartecipa.it/it/node/34049/surveys/survey/34072

Contatti
SEGRETERIA TECNICA PARTENARIATO
Marisa Guiso
Centro Regionale di Programmazione
Via Cesare Battisti s.n.c.
09123 Cagliari
Tel + 39 070 606 4707 – Fax 070 606 4684
www.regione.sardegna.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...